L’Associazione C.R.A.L. ENAC organizza:

Dalla Liguria alla Puglia, dalla Sicilia fino alla Toscana, passando per Umbria e Lazio, tutto il nostro territorio è ricco della materia prima per eccellenza della cucina mediterranea: l’olio di oliva.
Andiamo a scoprire come si produce questo prezioso succo che arriva dalla notte dei tempi e quotidianamente arricchisce la nostra tavola.
Nel giorno della festa dell’olio di Salisano (RI) visiteremo il Frantoio Duranti andando a conoscere le fasi del percorso dall’ulivo all’imbottigliamento e assaggiando l’olio appena spremuto.

 

DOMENICA 26 NOVEMBRE ORE 11,00
Appuntamento al parcheggio del campo sportivo
(Via San Diego – Salisano - RI)
A seguire pranzo presso “La Locanda del Gufetto”
(5 minuti a piedi dal frantoio)

MENU’

  • Antipasto del Gufetto (salumi, formaggi con marmellata al peperoncino, ricottina con miele e noci, verdure grigliate, fagioli con cotiche)
  • Maccheroni a fezze alla Sabina (aglio, olio, pecorino, maggiorana)
  • Gnocchi al sugo di pecora
  • Porchetta cotta al forno a legna
  • Cicoria ripassata e patate al forno
  • Tiramisù o sfogliata
  • Dolci secchi
  • Acqua, vino della casa, bibite
  • Caffè e amari della casa

    Euro 27 a persona

Per informazioni e prenotazioni:

  • Gianni Giorgioni (Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. – tel. 06-44596699)
  • Alessandra Gasperini (Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. – 06-44596409)

Locandina acrobatLogo30 30

Serata conviviale per scoprire il valore di questa antica bevanda nell'accompagnare il pasto  Martedì 27 giugno 2017 – ore 20,30
Cene/degustazione di birre presso la birreria BeerStyle (Via dei Platani, 42 -Roma - quartiere Centocelle) Menù e abbinamenti: - Lasagnette con prosciutto di praga e asparagi in abbinamento Vienna Lager - Strudel di maiale alle mele sfumato alla birra in abbinamento Belgian ale - Cheesecake in abbinamento Flemish Red Ale
COSTO A PERSONA: EURO 20
NR MAX POSTI DISPONIBILI 20 (diritto di prelazione per soci e familiari)

Info presso: Alessandra Gasperini (06-44596409; Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. )
Gianni Giorgioni (06-44596699; 320-4781181; Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.)

Locandina evento acrobatLogo30 30

Dalla vite al vino - commento

 

Tufaio grotta WEB 600x260

Visita alla "Cantina del Tufaio" con pranzo/degustazione

Il Direttivo dell'Associazione CRAL ENAC è lieto di invitare i propri soci alla visita dell'azienda vinicola "Cantina del Tufaio" di Zagarolo (RM) prevista per domenica 4 dicembre 2016 alle ore 11,00.
Visiteremo l'azienda e scenderemo nella suggestiva cantina scavata nel tufo a 20 metri di profondità.
Seguirà un pranzo dove ogni portata sarà accompagnata da uno dei vini prodotti dall'azienda presentato dalla titolare.

Sono disponibili un massimo di 20 posti.
L'evento è a aperto a soci e soci aggregati (diritto di prelazione a soci e familiari).
Costo a persona: euro 25 per soci e familiari; euro 30 per soci aggregati.

Locandina evento acrobatLogo30 30

 

Un breve commento ad evento concluso

Dalla vite al vino - commento

Torna la Sagra del Carciofo Romanesco a Ladispoli, un appuntamento tradizionale e imperdibile giunto alla sua 67° edizione. Anche quest'anno la Sagra del Carciofo Romanesco de Ladispoli sarà una grande manifestazione enogastronomica a cui parteciperanno molte regioni d'Italia e dove sarà possibile degustare una varietà considerevole di prodotti tipici.

Ovviamente il grande protagonista è il carciofo romanesco, un prodotto assai prelibato, ormai riconosciuto per le sue innumerevoli proprietà organolettiche e terapeutiche. Un'occasione imperdibile per tutti, una grande festa che darà la possibilità di conoscere e riassaporare tantissimi prodotti, primo fra tutti il carciofo, preparato secondo le tradizioni culinarie romane.

La Sagra del Carciofo Romanesco de Ladispoli è un evento davvero unico che ha avuto il riconoscimento di VI° Fiera Nazionale dalla Regione Lazio e che vanta un'affluenza notevole di persone. Il tutto sarà arricchito da spettacoli, performance musicali, cabaret e dai meravigliosi giuochi pirotecnici che abbelliranno i cieli e le rive di Ladispoli. La Sagra del Carciofo Romanesco a Ladispoli si terrà dal 7 al 9 aprile 2017.
 
IL CARCIOFO

Il carciofo (Cynara scolimus) è una pianta già conosciuta al tempo degli Egizi e diffusa nell'area mediterranea, come si vince dal De Re Rustica di Columella e dal Naturalis Historia di Plinio. Tuttavia, secondo alcuni storici, furono gli Etruschi a praticare la coltivazione di questo ortaggio dalle varietà di cardo selvatico (Cynara cardunculus) e le raffigurazioni di foglie di carciofo in alcune tombe della necropoli di Tarquinia ne sono un'indiscutibile testimonianza. Attualmente, sono due le cultivar coltivate lungo il litorale a nord di Roma nei dintorni di Ladispoli e Cerveteri, un'area particolarmente vocata alla produzione del Carciofo Romanesco IGP: “Castellammare" (precoce) e "Campagnano" (tardiva). Il  Carciofo Romanesco, detto anche “mammola”, è grosso e con il capolino quasi rotondo, ha poco scarto ed è il più adatto per essere cucinato ripieno. La parte commestibile della pianta è in realtà il fiore e il cuore centrale chiamato “cimarolo” è il più ricercato, e di conseguenza anche il più costoso, perché più tenero e con le foglie più seriate. Molto versatile in cucina, la tradizione lo predilige “alla romana", cotto a fuoco lento e condito con pangrattato, aglio, prezzemolo, pepe e abbondante olio, oppure alla "giudia", tagliato a spirale in modo da eliminare la parte legnosa, fritto nell'olio con il gambo in alto e bello croccante. Il prodotto ha ottenuto L’Indicazione Geografica Protetta (IGP) nel 2002 (Regolamento CE n. 2066/02) come "Carciofo Romanesco del Lazio IGP".

Locandina acrobatLogo30 30

Ristoranti acrobatLogo30 30

Sottocategorie